Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2015

ChomskydanteOpera naturale è ch’uom favella;/
ma così o così, natura lascia/
poi fare a voi secondo che v’abbella.

(Paradiso, canto XXVI)

Read Full Post »

grounded cognitionNelle scienze cognitive si sente oggi parlare sempre più spesso di cognizione incarnata (“embodied cognition” in inglese) e di grounded cognition. In questo post cercherò di chiarire brevemente la differenza tra questi due termini che di frequente sono utilizzati in modo intercambiabile, ma che in realtà si riferiscono ad aspetti ben differenti della nostra cognizione. Per fare questo mi servirò di un capitolo scritto da L.W. Barsalou sulla Situated conceptualization, che comparirà nel volume Foundations of embodied cognition (trovate il link al pdf qui sotto), nel quale l’Autore illustra tale differenza.

Cominciamo da un punto di vista storico. A partire dalla svolta cognitiva, le teorie della cognizione umana sono state dominate dal cosiddetto “modello a sandwich” (Hurley, 2001). Secondo questo modello, la cognizione sarebbe un insieme di processi collocati a metà tra la percezione e l’azione: percepisco un cucchiaio sul tavolo; l’informazione percettiva è trasmessa alla mia cognizione e così si attiva il concetto CUCCHIAIO, che è costituito da rappresentazioni differenti da quelle che sono state attivate durante la percezione; l’informazione cognitiva comunica al mio sistema motorio come interagire con l’oggetto percepito e quindi si traduce in un compito motorio.

Come nota Barsalou, i processi cognitivi così concepiti sono modulari: fanno parte di un modulo mentale separato dai sistemi percettivo e motorio e deve quindi essere studiato indipendentemente da questi.

Al contrario, la prospettiva della grounded cognition rifiuta questo “modello a sandwich”: per comprendere effettivamente il funzionamento della cognizione umana occorre tenere in considerazione – e includere nella nostra teoria – anche gli altri domini, superando così il vecchio modello modulare. In particolare, quattro sono i domini che devono essere inclusi:

a) I sistemi sensomotori: l’idea è che la cognizione umana si poggi sulle modalità costitutive della percezione, dell’azione e della propriocezione. Ciò vuol dire che, secondo questa prospettiva, i concetti sono costituiti da rappresentazioni modali (ossia codificate nelle specifiche modalità percettive o motorie).

b) Il corpo: la cognizione può spesso influenzare/essere influenzata da stati corporei o azioni fisiche (quando percepiamo degli oggetti, i nostri sistemi motori anticipano le azioni associate alle affordances dell’oggetto; o, ancora, vi sono stati corporei che influenzano stati cognitivi).

c) L’ambiente fisico: la cognizione dipende dall’ambiente fisico in cui siamo collocati e in cui sono collocati gli enti con cui interagiamo.

d) L’ambiente sociale: la cognizione dipende anche dall’ambiente sociale, in quanto nei processi cognitivi entrano in gioco le nostre rappresentazioni degli altri, delle loro menti e delle loro intenzioni.

 

Con le parole di Barsalou:

Thus, from the grounded perspective, cognition doesn’t simply reside in a set of cognitive mechanisms. Instead, cognition emerges from these mechanisms as they interact with sensory-motor systems, the body, the physical environment, and the social environment. Rather than being a module in the brain, cognition is an emergent set of phenomena that depend critically on all these domains, being distributed across them.
La prospettiva della embodied cognition risulta pertanto essere solo una componente (una parte) della grounded cognition, in quanto si concentra solo su uno dei quattro domini legati alla cognizione: quello corporeo. L’idea centrale della embodied cognition è che la cognizione umana dipenda e sia strettamente legata agli stati del nostro corpo. Tale prospettiva, tuttavia, trascura altri elementi che per la grounded cognition risultano essere altrettanto fondamentali: ossia, i sistemi sensomotori e l’ambiente fisico e sociale in cui siamo inseriti come individui dotati di una mente. L’embodied cognition risulta in conclusione essere “relatively narrow”, mentre la grounded cognition “acknowledges all the domains in which cognition is grounded and from which it emerges”.

 


Barsalou, L.W. (in press). Situated conceptualization: Theory and application. In Y. Coello & M. H. Fischer (Eds.), Foundations of embodied cognition. East Sussex, UK: Psychology Press.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: